126,9 m s.l.m.

Via Trionfale 7400

Municipio XIV

Quartiere Trionfale

 

Forte Trionfale  -  (1882 - 1888)

Agenzia del Demanio - Ex Caserma "Arnaldo Ulivelli" (in consegna a Roma Capitale)

1/14

Vicende e descrizione storica - sintesi

Il Forte Trionfale fu costruito tra il 1882 e il 1888 per un costo di lire 2.130.000. Realizzato a cavaliere della Via Trionfale, difendeva sia il settore esterno alla via Trionfale, quanto quello interno della valle dell’Inferno.

Il tracciato del forte è un quadrilatero irregolare con un fronte esterno rettilineo, fianchi e fronte di gola asimmetrici, condizione determinata da particolari esigenze difensive rispetto all’orografia. Il fossato perimetrale è difeso da caponiere laterali appoggiate al muro di controscarpa simili a quelle del Forte Monte Antenne da un muro alla Carnot scoperto sui fianchi e coperto sul fronte di gola ove è presente il tamburo difensivo posto a sinistra dell’ingresso al forte, difeso dal rivellino.

Il piano del ramparo è raggiungibile da due rampe poste a cavallo dall’ampio traversone centrale, collegato al fronte di gola mediante due ponti in muratura. E’ dotato di una polveriera il cui ingresso sul fossato è posto in asse con il ponte levatoio, di un pozzo di acqua sorgiva e di una cisterna.

Uso, stato di conservazione e vincolo del Forte

Il Forte che ha ospitato per oltre un secolo il 3° Reggimento Genio ora trasferitosi alla Caserma Perotti alla Cecchignola, dal 2015 è in consegna a Roma Capitale.

Il Forte seppur conservato è stato alterato con diversi interventi quali la sopraelevazione del fronte principale dei ricoveri, la realizzazione di alcuni altri edifici minori posti sul ramparo, la rimozione delle terre sul corpo di guardia e sul tamburo difensivo anch’esso parzialmente alterato nei prospetti. La piazza d’armi, il traversone centrale, il corpo di guardia sono in buono stato di conservazione, mentre i terrapieni sono stati in gran parte alterati; recentemente sono avvenuti dei crolli su una traversa del fronte laterale sinistro. Il fossato e relativo muro alla Carnot è totalmente interrato sul fronte principale e parzialmente su quelli laterali mentre il fronte di gola è integro, così come la polveriera e la struttura del ponte levatoio. Si conservano gran parte dei serramenti originali, compreso il portone di ingresso mentre il fregio è stato rimosso. Sono stati eseguiti negli ultimi anni alcuni lavori di restauro sul fronte di gola. Il Forte è vincolato ai sensi del Codice dei Beni Culturali con D.M. 23/11/2007. 

Il Compendio Demaniale

Il compendio demaniale è stato impiegato nel corso del tempo per la realizzazione di diversi edifici militari, con diversa destinazione d’uso tra cui spicca un hangar per dirigibili risalente agli anni ’30, vincolato con D.M. 19/05/2014.

 

testo © 2013 Progetto Forti

+ STORIA
+ CONTESTO
+ RISORSE

sezioni prossimamente disponibili

Archivio digitale Progetto Forti - Fondo Forti di Roma - Foto di Fabrizio Latini